L’Arlecchino atemporale di Giuggioli in mostra al Bistrot

 

VOLTERRA (PI).

Una pittura dalle straordinarie suggestioni scultoree, per un mito dipinto che sfronda i suoi stessi ambienti remoti, inconsci, assumendo il movimento suadente e l’attualità incalzante del tempo contemporaneo.

Giuliano Giuggioli, il maestro delle raffinate dimensioni dell’impossibile, presenta nello spazio del Caffè ristorante “I Ponti” Bistrot, in Piazza Martiri della Libertà, a Volterra (PI), un’importante parte della collezione pittorica “Cronache senza tempo”.

Organizzata da Mario Andrei, gallerista di Impara l’Arte (Pomarance), la mostra, in corso dal 1 aprile al 31 maggio 2018, apre un viaggio visivo attraverso “capricci” allegorici animati da evocative e rivelatrici luci lunari, dai colori osati e ricchi, spesso in contrasto con il contesto sfumato, portavoce di eterne e misteriose memorie.

Protagonista ricorrente: un arlecchino insolitamente carnale, sensuale ed attuale. Rivela se stesso nello spazio trasformante della passionalità, dove giocano alla pari la maschera e l’Io profondo: in un rimando di emozioni, identità, possibilità, misteri ed inganni, entrambi prigionieri e vittime della logica inesorabile del tempo.

“Surrealista mediterraneo” come Savinio, visionario come De Chirico e Böcklin, creatore delle dimensioni dell’impossibile come Lewis Carroll in letteratura, Giuggioli definisce le sue figure antropomorfe con sensualità ed eleganza attuali, in un’atmosfera sospesa, trasfigurata di persistente luce eterna.

Nato nel borgo di antichissime origini etrusche Vetulonia, in provincia di Grosseto, classe 1951, residente a Follonica, cittadina affacciata direttamente sulle suggestioni del mare ispiratore, Giuliano Giuggioli si forma secondo “un iter consueto in altri tempi”: da autodidatta di talento, apprende i segreti di “tutte le tecniche pittoriche e di stampa frequentando assiduamente le botteghe, le stamperie ed i cantieri artistici”.

Info: Bistrot Tel. 0588 85911 / Galleria Impara L’Arte: 329 7374072, marioandrei52@gmail.com, www.imparallarte.it.  Ingresso libero.

 

 

Lascia un commento

 
X
X