Si presenta la nuova stagione del Teatro Comunale Regina Margherita

 

Sabato 4 novembre alle ore 18.30 si alza il sipario su una carrellata di interventi e performances. Gianfranco Martinelli, Italo Pecoretti, Sara Innocenti, Tealtro e I pochi e nemmen tanto boni anticipano i titoli del cartellone confezionato dall’Associazione culturale Marcialla, con il contributo dell’Unione comunale del Chianti fiorentino

Barberino Val d’Elsa, 3 novembre 2017. Tutto, a Marcialla, partì dalla vocazione artistica di un medico condotto, Vittorio Brandi, che dedicava le proprie cure ai bisognosi e al tempo stesso coltivava una grande passione per il teatro. L’arte di scena come strumento di conoscenza, di formazione e libertà creativa contro l’emarginazione e l’isolamento sociale. Fu il dottore ‘illuminato’ di un piccolo paese della Toscana dell’800, nel doppio ruolo di capo della banda e direttore della Società Filodrammatica, ad infondere vitalità musicale e teatrale al palcoscenico del Teatro Regina Margherita di Marcialla che nel diciottesimo secolo era nato come teatro d’impresa, documentato sin dalle origini nell’Archivio di Stato. La storia assegna un ruolo e un’anima ‘pubblica’ al teatro di Marcialla che negli anni non dimentica ma fa crescere la propria vocazione collettiva fino a identificarsi come spazio della comunità, terreno fertile dove moltiplicare valori, linguaggi culturali, laboratori di espressione artistica.

Dal passato alla contemporaneità, la cultura popolare è un segno particolare del Regina Margherita che ritorna e si rigenera. In un piccolo spazio di campagna, patrimonio storico nel cuore della Valdelsa, un grande amore per l’arte di scena continua ad esprimere, nelle parole, nelle note e nei passi, l’interesse condiviso da un’intera comunità. Il teatro rinasce ogni volta nello spirito dei cittadini che lo coltivano come fucina creativa in un costante dialogo con il territorio, l’ambiente, il tessuto urbano e sociale.

E’ un’occasione di festa, in programma sabato 4 novembre alle ore 18.30, a rilanciare la forte identità del Regina Margherita di Marcialla che apre i battenti con il coinvolgimento di compagnie, associazioni e istituzioni, per presentare una delle pagine più alte della storia degli ultimi anni del teatro per qualità e respiro nel panorama artistico nazionale. La stagione 2017-2018 si accende sotto i riflettori nel segno di una sensibilità a più voci. Spettacoli ed ospiti di elevato spessore rivelano un ricco cartellone che si compone di cinque sezioni, gestito e curato dall’Associazione culturale Marcialla, l’anima del teatro marciallino, confezionato con il contributo dell’Unione comunale del Chianti fiorentino.

Prosa e Teatro a Km zero, Jazz, Teatro Ragazzi, Vernacolo. Tanti gli interventi scenici e narrativi che si alterneranno sabato 4 nella sala del teatro per illustrare nel dettaglio i titoli che accentuano la personalità eterogenea. Gianfranco Martinelli, Italo Pecoretti, Sara Innocenti, l’associazione Tealtro e la compagnia I pochi e nemmen tanto boni guideranno il pubblico alla scoperta della stagione, accompagnati dalle performances dei laboratori di Teatro Riflesso, con Irene Biancalani, Alessandro Scavone e Marco Rugi, e Riccardo Mori, Alessio Grandi e Damiano Masini. All’iniziativa saranno presenti i sindaci Giacomo Trentanovi e David Baroncelli. Ingresso libero. Info: 055 8074348 www.teatromargherita.org.

 

 

Lascia un commento

 
X
X