Andrea Acri (EPHE, Parigi): Lo yoga a Giava e Bali

 
Please complete the required fields.
Contribuisci con una segnalazione al miglior funzionamento di Toscana.TO




“Lo yoga a Giava e Bali”: ne parla a Firenze il prof. Acri dell’Ephe di Parigi

Il 12 giugno alla Biblioteca umanistica dell’Università di Firenze conferenza di Andrea Acri, docente dell’École Pratique des Hautes Études di Parigi. Interviene anche Fabrizia Baldissera, professore associato di Lingua e Letteratura sanscrita. Coordina Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Ingresso libero.

 

Lo yoga nelle fonti in antico giavanese e poi nella letteratura moderna e nella pratica spirituale di Bali.

È il tema della conferenza con proiezione d’immagini che il prof. Andrea Acri, docente di Sanscrito e Indonesiano all’École Pratique des Hautes Études di Parigi (sezione di Scienze religiose), terrà mercoledì 12 giugno alle ore 17 presso la Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze (ingresso libero, piazza Brunelleschi 3-4).

Un appuntamento, organizzato dal Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia dell’ateneo fiorentino e dalla Fondazione il Fiore, a cui interverrà anche Fabrizia Baldissera, professore associato di Lingua e Letteratura Sanscrita dell’Università di Firenze, e che sarà aperto dai saluti di Floriana Tagliabue, direttore della Biblioteca umanistica, e Ikuko Sagiyama, presidente corso di laurea in Lingue e Civiltà dell’Oriente antico e moderno. Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore, modererà l’incontro.

«L’Indonesia – spiega Andrea Acri – ha accolto, assieme a elementi linguistici, culturali e religiosi di origine indiana, varie tradizioni yoga fin dalla seconda metà del primo millennio dell’era corrente. La letteratura Shivaita in sanscrito e antico giavanese da Giava e Bali, fiorita nel periodo dall’VIII al XV secolo, testimonia la presenza dello yoga di Patañjali (aṣṭāṅgayoga) e di quello Shivaita o «tantrico» (ṣaḍaṅgayoga). Entrambe le tradizioni, dismesse dopo l’arrivo dell’Islam a Giava, hanno continuato a svilupparsi in maniera «localizzata» a Bali, tutt’ora largamente induista. La lezione discuterà dello yoga nelle fonti in antico giavanese e della sua continuazione a Bali: nella letteratura balinese moderna sull’Induismo, influenzata dai movimenti riformisti indiani del ventesimo secolo, ed anche nella pratica mistico-spirituale e rituale fino ai giorni nostri, con illustrazioni».

 

Per ulteriori informazioni, Fondazione il Fiore. Tel. 055.225074
www.fondazioneilfiore.it
www.facebook.com/FondazioneilFiore

Lascia un commento

 
X
X