Locanda del Sole al Castello: la gestione dei Marchesi Ginori Lisci

 
Please complete the required fields.
Contribuisci con una segnalazione al miglior funzionamento di Toscana.TO




QUERCETO (PI). Se è vero che la storia è ciclica e che il passato non ha niente da invidiare al contemporaneo, c‘è un luogo sfuggito all’eternità che sembra confermare la regola, assumendo il linguaggio più attuale nel suo antichissimo alter ego. L’attrattore è quello del gusto e, questa volta, con un tocco di nobiltà.

Con la ri-apertura ufficiale prevista per giovedì 11 aprile 2019, per la prima volta nella sua lunga e secolare storia, a ritroso fino ai confini dell’alto medioevo, il Castello Ginori di Querceto nel comune di Montecatini Val di Cecina (PI), vede i proprietari del maniero, i Marchesi Ginori Lisci, dirigere l’orchestra del loro ristorante.

In quel luogo visionario, da scoprire nella natura selvaggia da strade minori o sentieri scoscesi, ritorna ad essere “sosta del viandante”, la “Locanda del Sole”: quella che ancora negli anni ‘60 – come ricorda il Marchese Lionardo Ginori –  era punto di telefonia “nel nulla” e ritrovo bar, ma che fra pietre antichissime, boschi e declivi collinari, lasciava intravedere un passato molto più remoto.

Laddove l’accoglienza era fondamentale alla sopravvivenza, in centri di “aggregazione spontanea”, i Ginori – ultimi eredi di una delle famiglie artefici della storia di Toscana e celebre nel mondo per la manifattura di preziose porcellane – hanno saputo mantenere fino al terzo millennio, in questo piccolo borgo dominato da un fiabesco castello, le atmosfere autentiche e la vita sociale in modalità d’altri tempi.

Un investimento sul territorio, nel fascino conteso di una terra dalla spettacolarità paesaggistica, prossima al mare e dominata dal calore archeologico di Volterra, in quello che la Marchesa Alessandra definisce come un tesoro da scoprire, un vero e proprio “scrigno incastonato nelle colline”.

E così, riciclando con passione ad arte un profilo già proprio, il nuovo progetto, attivo dalla fine della stagione estiva 2018, per la Locanda del Sole, è supportato nella fase di startup dal restaurant manager Teseo Geri e da Paolo Fiaschi di Papaveri e Mare, conosciuti nella ristorazione, e prevederà un’accoglienza estesa per tutto l’arco della giornata, dalla colazione alla possibilità del pernottamento.

Il ristorante è guidato da Luca Tafi, lo chef “che ama definirsi cuoco”, radicato nella propria terra, ma autore di una cucina rassicurante, sobria ma con un pizzico di malizia. Le specialità sono la panineria e caffetteria, fino alla possibilità di una sosta gourmet negli incanti sospesi degli appartamenti secolari del castello.

Da aprile a settembre, al ritmo della stagionalità, il resident chef, da venticinque anni in esperienza gestionale familiare nella vicina Riparbella, rivisiterà, “classici” e “super classici” (il più “integralista” la polpetta, ma di carne di fagiano), con forti effetti sorpresa in nuovi equilibri fra forma e materia prima-contenuto. Si presume una spesa media di 40€, ma non mancheranno possibilità di trovare soluzioni più conviviali “incontrando” anche la bottiglia giusta per l’occasione importante.

Qualche accenno “di gusto” a cominciare da uno degli antipasti: il tipico crostini ai fegatini avrà la consistenza di un foie gras; i ravioli ripieni di ricotta e ortica e in ricotta salata anziché al burro, gli gnocchi piccoli di salvia con ragù di piccione ed il filetto di maiale sarà in pancetta con purè allo zafferano e spinacino saltato.

Ma non mancherà un menù ad hoc animato da nuove ideazioni che scavano nel rituale del banchetto della Pasqua imminente.

Anima del progetto è la nipote dei Marchesi, Cristina Sannazzaro: “patron” dell’ospitalità della Famiglia Ginori.

L’accoglienza del viaggiatore fuori porta è ancora così all’ombra silenziosa del Castello eterno, dove incontrare ancora “Il tagliere come concetto”, piatti freschi del giorno, vini internazionali e locali, fra cui i merlot e i cabernet dell’azienda Marchesi Ginori Lisci, un caffè o una rilassante tisana, e forse ancora qualcuno con cui scambiare due parole in semplicità, da rubare al ritmo sintetico, social e frenetico della moderna e virtuale nuova vita quotidiana.

 

Info e prenotazioni: Marchesi  Ginori Lisci www.castelloginoridiquerceto.it. Tel: 0588 37407 – 335 314969.

 

Lascia un commento

 
X
X