Presentato il libro “Tabarre”: il fantino volterrano, mito a Siena, nella ricerca del bisnipote Moreno Ceppatelli

 
Please complete the required fields.
Contribuisci con una segnalazione al miglior funzionamento di Toscana.TO




VOLTERRA (PI). Ci mancavano la polvere offuscante, lo scalpiccio assordante, il movimento travolgente, le grida spontanee e concitate di incitazione, il carosello colorato e animato delle contrade. Non mancavano però gli affreschi, le eterne pareti di pietra, il centro nevralgico della vita cittadina, all’ombra dei palazzi del potere.

Eppure il sentimento era proprio quello delle antiche competizioni sportive, in spazi minimi, ma per geni massimi, quelle in cui la gara ardua, aveva regole dure, significati di scambio e condivisione, qualche volta di cambiamento.

S’incontrano due città antichissime, sabato 11 maggio 2019: il tema centrale è il Palio più celebre, il protagonista un grande fantino dell’800, per personalità indipendente, vincente e misteriosa, di sangue volterrano, in terra di Siena.

Nella sala del maggior Consiglio di Palazzo dei Priori, nella Piazza omonima, nel centro storico di Volterra (PI), è stato presentato il libro “Tabarre”, il fantino volterrano, edito da Betti Editrice. Con una singolarità nella singolarità: Francesco Ceppatelli, vincitore di 11 carriere, il protagonista dimenticato perché, almeno nelle immagini, non voleva essere ricordato, era il bisnonno dell’autore: Moreno Ceppatelli.

E per un pomeriggio intero il carattere volterrano e quello senese, si sono così ravvicinati, con parità di temperamenti, quelli autentici. E Moreno Ceppatelli ha saputo portare la tempra volterrana negli archivi del Palio, attraverso ricerche, durate a cominciare dalla genesi del libro, da oltre trent’anni, come ricorda l’archeologo Dario Ceppatelli, figlio dell’autore e co-relatore della conferenza.

Il fantino “Tabarre”, quello che per il Sindaco Marco Buselli dà un “lustro alla città”. Una sorta di eroe volterrano – a Siena. Un libro che è naturale continuità al riconoscimento che Volterra ha dato, due anni fa, al campione del Palio più famoso, con la targain Viale Porretti – voluta da Moreno Ceppatelli, “ma con la passione essenziale del Sindaco”. Progettata da Irene Taddei e con evento di presentazione organizzato in collaborazione con l’arch. Alessandro Bonsignori del Comune di Volterra.

E da questa ulteriore fatica di Moreno, si riporta l’attenzione ad un sommerso fisico e della memoria, nella storia di Volterra: i cavalli in “Vallebona”, subito fuori dalle mura, nella zona del teatro romano, ma dove ora sorge anche un parcheggio per residenti.

Quello che sarà il contenuto dell’intervento di Dario Ceppatelli. Affonda ai baluardi della storia più antica, quando i cavalli erano usati per il cibo fino allo scatto dell’intervento dell’Uomo che crea le razze equine e il trasporto e le corse. Un interessante excursus sulle tipologie delle gare: la corsa con i cocchi e con i cavalli sciolti particolarmente crudele: poiché per sfuggire al dolore provocato sul retro del corpo, si potenziava la fuga dell’equino. Più o meno crudeli erano modalità di corsa “alla lunga” con una tappa di partenza ed una di arrivo, anche a Volterra. Diversa la competizione “alla tonda”, come al palio di Siena dove il pubblico può invece seguire l’intero svolgimento della gara.

E ancora nel 1841 si parlava di un presunto anfiteatro romano, la dicitura era “Ippodromo anfiteatro”. Ma in realtà era il terreno del sommerso teatro romano, poco distante dalla scoperta di un reale anfiteatro, in tempi molto recenti. Intorno agli anni 1935-38, scompaiono documenti di corse di cavalli a Volterra. Compaiono invece le strutture per nuovi tipi di sport tra cui il calcio, proprio in Vallebona, sopra il rinvenuto teatro romano.

Ferdinando Francesco Giuseppe Ceppatelli (1859-1921), un nome che rievoca i protagonisti del Risorgimento, dall’autore discendente ad un senese come il Prof. Duccio Balestracci, docente di Storia medievale, è filtrato nella lingua esistenziale ed antropologica senese. Un relatore che sa magnetizzare il pubblico, fra scienza, teatro d’autore e pathos, proprio come nello spazio-tempo duro e ridotto in cui si giocano le vicende delle “contrade” per quella che per il relatore stesso, costruisce i significati delle epoche.

Ripercorre i capitoli salienti del libro di Moreno Ceppatelli, alla ricerca del “personaggio”, che ad un certo punto ha trasfigurato la vita del bisnonno: già a dodici anni in carcere Tabarre, per un “furto campestre”, ma a sedici è già fantino. Nel 1886 ha il primo figlio, da Anna Trafeli, ma non sono sposati e il bimbo va in orfanotrofio. Mentre nel 1894 nascono due gemelli: Vincenzo e Alfiero, quest’ultimo deceduto l’anno successivo.

Nel 1895 corre davanti ai reali Umberto e Margherita. Il “Tabar”, che veste il tabarro e di professione vetturale, diventa “Tabarre” nella trasformazione linguistica. Ma soprattutto in vittorie e cadute, premi monetari ingenti, dalla “Lupa” alla “Chiocciola”, alla “Tartuca”, assume quella nuova personalità, quello “statuto particolare”, che per i fantini ha il soprannome. Dimostrando di “saper stare a cavallo”, ma anche di cavalcare le grandi difficoltà della vita.

Lo segue solo un figlio Vincenzo Ceppatelli detto “Tabarrino”, che non compete a Siena. È il nonno di Moreno, quello che racconta al nipote Roberto Ceppatelli di quella sfida nell’anfiteatro di Volterra con il padre che avrebbe dovuto introdurlo a Siena: ma “Tabarrino rimase al buio, e cadde a terra quasi privo di sensi”. Dopo una nerbata del padre sul volto che gli fece perdere la simbolica sfida.

Una vicenda sottesa in famiglia, più vissuta nei caratteri dagli eredi, che nella narrazione. Quegli stessi discendenti a cui va la dedica del libro. Forse una storia troppo grande per il troppo piccolo contemporaneo, che Moreno ha voluto riportare, con la stessa temerarietà, fierezza, ribellione e autenticità, del fantino che rivoluzionò con coraggio la sua vita, all’attenzione universale della storia.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

 
X
X